Unità ebraiche all'interno dell'Esercito Britannico durante la Seconda Guerra Mondiale

soldati brigata.jpg
uniforme.jpg

Divisa originale oggi conservata nel museo presso il Beth Shlomo

La Spezia 1946 Nave per emigrazione ille

La Spezia 1946 Nave per l'emigrazione illegale in Israele

Schermata 2019-10-03 alle 10.11.24.png

Soldato della compagnia Ebraica RASC 650 presso Borgo Panigale (BO).

La compagnia è identificabile dall’ora dell’orologio disegnato all’interno della stella di Davide sul mezzo: ore 6.50

Sulla spalla sinistra è visibile la mostrina con la scritta A5 che lo identifica come soldato assegnato alla Quinta Armata Americana sbarcata a Salerno e ad Anzio che ha operato lungo la costa tirrenica.

Con il questi camion i RASC raccoglievano gli ebrei profughi ai confini settentrionali dell'Italia e li portavano nei diversi campi di accoglienza da cui poi venivano imbarcati verso la Terra di Israele

Nel corso della Seconda guerra mondiale, circa 40.000 membri della popolazione

ebraica nella Terra di Israele, gli "Yishuv", si offrirono volontari per partecipare allo

sforzo bellico contro i nazisti - un numero elevato rispetto alla popolazione dello

"Yishuv", che era di circa 431.000 il giorno in cui scoppiò la guerra.

Questi volontari furono inquadrati in Compagnie Ebraiche che divennero in seguito in nucleo fondatore dell'esercito del futuro stato ebraico.

Alla fine della guerra i soldati della Brigata Ebraica e delle Compagnie di Trasporto tutti i combattenti provenienti da Eretz Israel e in maggioranza membri dell'Haganà furono i primi ad aiutare i sopravvissuti ed aiutare la HABRICHA con le capacità organizzative e le infrastrutture logistiche. Essendo soldati dell'Esercito Britannico resero possibili per la HABRICHA i movimenti tra le zone occupate dell'Austria e della Germania e i trasporti segreti degli scampati da tutte le parti d'Europa verso l'Italia in automezzi militari "presi in prestito". Nella HABRICHA questi soldati si sono prodigati come autisti e guide attraversando illegalmente i confini ed organizzando scuole ebraiche e campi di addestramento.

Alcune storie simpatiche sulle unità ebraiche in Italia

1) Racconto di Annie Sacerdoti

 

Quando arrivarono gli Alleati ero una bambina e mi trovavo ad Anzio, un giorno mi ammalai e mia nonna corse alla vicina base militare in cerca di un dottore.

Quando arrivò lì vide un camion con un grande Maghen David sulla fiancata, già questo la sorprese; poi si rivolse all'autista e realizzò che parlava in ebraico. Allora tornò a casa spaventata ed esaltata urlando: "È arrivato il Messia, è arrivato il Messia!!!!!"

2) Racconto di Eugenio Schek

A metà degli anni '80 durante una gita a Capri il barcaiolo mentre remava portandoci nella Grotta Azzurra vedendo le kippòt iniziò a cantare con parole e musica precisa Evenu Shalom Alechem. A domanda su come conoscesse quella canzone ci spiegò che quando era ragazzino, al porto di Napoli insieme ad altri ragazzini avevano familiarizzato con quelli che lui chiamò "Soldati Ebrei".

I soldati avevano insegnato loro Evenu Shalom e loro per ringraziarli avevano insegnato ai soldati Oh Sole Mio.

A quel punto fui sorpreso ricordando che mio papà Arie, soldato di un'unità ebraica che aveva preso parte allo sbarco di Salerno, nei momenti di felicità cantava proprio Oh Sole Mio. Chissà se era proprio uno di quei soldati che aveva insegnato Evenu Shalom al mio barcaiolo di Capri? E poichè normalmente nel repertorio non religioso dei Chasanim Oh Sole Mio è il pezzo forte ci si potrebbe chiedere se è proprio questo evento ad aver innescato questa tradizione.

Per ascoltare Oh Sole Mio del Cantante e Chazzan Israeliano Dudu Fisher schiaccia PLAY

Ulteriori informazioni sulle unità ebraiche

A seguito delle rivolte arabe tra gli anni 1936-1939, gli inglesi, analizzando le mappe mondiali, regionali e locali, decisero di assumere una posizione conciliante nei confronti della parte araba; questo, allo scopo di placare la leadership araba in Eretz Israel e nei paesi arabi, in modo che questi si schierassero al loro fianco nella guerra che stava diventando sempre più minacciosa nel cielo dell'Europa. Era ovvio per loro che la leadership ebraica e la popolazione ebraica organizzata di Eretz Israele avrebbero assunto una posizione filobritannica, a causa delle persecuzioni degli ebrei in Europa. Questi atti di "corteggiamento" verso gli arabi avvennero a spese della popolazione ebraica e del Movimento sionista. Il "Libro bianco", che fu pubblicato da loro il 17 maggio 1939, e il Regolamento sul trasferimento dei terreni, che fu annunciato all'inizio del 1940, impedirono ogni possibilità di azione, crescita e sviluppo dell'insediamento ebraico, l’acquisto di terreni e l’immigrazione ebraica a Eretz Israel.

Tra la popolazione ebraica in Israele sorse allora un dilemma:

da un lato era imperativo lottare contro i decreti britannici; d'altro canto  gli inglesi erano coloro che combattevano il nemico del popolo ebraico, e quindi era imperativo che fossero sostenuti.

Emerse dunque un conflitto, tra l'interesse comune ebraico e britannico nella guerra europea e globale, e le diverse posizioni di britannici e sionisti a proposito della questione di Eretz Israel.

Il desiderio di cooperare con coloro che stavano combattendo contro i nazisti segnò così l'inizio del volontariato nell'esercito britannico come un atto che non corrispondeva alla politica della leadership dell’ "Yishuv".

I primi ad arruolarsi nell'esercito britannico, la maggior parte dei quali volontari, lo fecero anche contro gli ordini delle autorità ebraiche in Eretz Israel. La maggior parte di loro lo fece per motivi personali, desiderando prendere parte ai combattimenti contro il nemico nazista, e alcuni per motivi economici. Un numero significativo tra gli arruolati erano gli immigrati arrivati dall'Europa centrale negli anni '30, in particolare i "Ma'apilim" (immigrati ebrei clandestini), alcuni dei quali nemmeno legali, persone che avevano sperimentato e compreso quali fossero le implicazioni del dominio nazista.

L'Italia entrò in guerra e le sue azioni in Nord Africa, il fatto che Siria e Libano, terrirori della regione fossero controllati dal regime fascista francese di Vichy e i bombardamenti di Haifa

e Tel-Aviv con decine di morti e feriti, avevano reso evidente il pericolo che la guerra si avvicinasse ai confini di Eretz Israel e di conseguenza incoraggiato il volontariato nell'esercito britannico.

La politica dell’ Yishuv cambiò; Ben-Gurion "risolse" il dilemma, dichiarando: "Dobbiamo aiutare i britannici nella guerra come se non ci fosse un "Libro bianco", e dobbiamo opporci al "Libro bianco" come se non ci fossela  guerra". L'Agenzia Ebraica e il Comitato Nazionale, guidato da Moshe Shertok (Sharet), direttore del Dipartimento Politico dell'Agenzia Ebraica, iniziarono a lavorare includere gli ebrei di Eretz Israel nella lotta militare contro i nemici del popolo ebraico, e aprire la strada al volontariato di massa nell'esercito britannico. C'era la convinzione che, in

virtù della leale partecipazione alla guerra, i britannici avrebbero cambiato il loro atteggiamento nei confronti dello "Yishuv", i decreti del "Libro bianco" sarebbero stati aboliti e sarebbe stata spianata una strada verso un accordo politico con la Gran Bretagna per il quale le unità ebraiche avrebbero costituito la base per la creazione di un esercito ebraico indipendente e riconosciuto, una base per un paese per gli ebrei, sotto gli auspici della Gran Bretagna.

 

I volontari risposero in massa mentre gli obiettori erano chiamati "dodgers".

La Seconda guerra mondiale non interruppe il pericolo di aggressione araba nei

confronti della popolazione ebraica, che anzi addirittura subì un peggioramento. All'inizio del

1941, in considerazione del successo dei paesi dell'Asse nei teatri di combattimento,

la sensazione che i tedeschi fossero destinati a vincere la guerra prevalse tra gli

arabi, e con essa l’idea che una vittoria nazista fosse la vittoria dei paesi arabi che avrebbero realizzato le loro aspirazioni nazionali. L'avvicinarsi del fronte a Eretz Israel fece nascere il timore

che i britannici avrebbero potuto preferire ritirarsi da Eretz Israel piuttosto che combattere per questa terra. Allo stesso tempo, il timore che gli arabi approfittassero della situazione e attaccassero lo "Yishuv" si intensificò. A ciò si aggiunse l'ansia che i soldati ebrei che si trovavano lontano non sarebbero stati in grado di prendere parte alla difesa dello "Yishuv". Per questo fu richiesto di non dirottare tutte le risorse verso l’esercito britannico e di lasciare una forza di

protezione per lo "Yishuv".

 

Gli inglesi erano interessati al supporto della popolazione locale,

per numerosi incarichi e numerosi volontari si arruolarono per svolgere una vasta gamma di ruoli nelle unità nell'esercito britannico.

I primi si unirono a una batteria di cannoni costieri, il 7 settembre 1939. E anche nel

settembre 1939 iniziò l'arruolamento nell'Auxiliary Military Pioneer Corps (AMPC).

Le prime unità erano entità miste di ebrei e arabi. Gli arruolati costituivano una forza di soccorso per l'esercito combattente, ad eccezione di una Compagnia Pioneer che partecipò alla ritirata di Dunkerque. Tutte le altre erano compagnie del genio militare che si occupavano di scavi e fortificazioni, e la maggior parte dei loro soldati non aveva nemmeno armi. Circa 3.200 volontari ebrei servirono nel Pioneer Corps. Nell'autunno del 1940, la sede del Gruppo

fu istituita in Egitto per nove compagnie di Eretz-Israel che si accamparono in Egitto.Per comandare queste compagnie non venne designata la parte migliore degli ufficiali dell'esercito britannico. I loro comandanti erano deboli dal punto di vista della qualità della leadership e dal punto di vista della formazione professionale. Nel complesso, il morale in queste unità era basso. Nel marzo 1941, fu presa la decisione di inviare queste pioneer companies in Grecia nel quadro della British Expeditionary Force, e tra queste c'erano circa 2.400 soldati della popolazione ebraica. Il 21 aprile, sulla scia del successo dell'offensiva tedesca, fu deciso di evacuare la Forza di Spedizione dalla Grecia. I soldati di Eretz Israel furono gli ultimi ad essere evacuati, e rimasero a Kalamata, nel sud della Grecia, fino all'ultimo giorno – il 29 aprile 1941 – il giorno in cui i britannici si arresero ai tedeschi. 1.510 soldati israeliani di Eretz furono catturati dai tedeschi e trasportati nei campi prigionieri di guerra in Germania, dove rimasero prigionieri fino alla fine della guerra. Altri 147 riuscirono a fuggire.

La fondazione della prima compagnia di fanteria ebraica fu completata nel settembre 1940, nel quadro dei "Buff". Dopo di ciò, furono costituite altre 14 compagnie ebraiche, in cui servirono circa 5.300 uomini. Il loro addestramento era limitato e gli furono date armi risalenti alla Prima Guerra Mondiale. Le speranze dei volontari di andare al Fronte per combattere i tedeschi e gli italiani furono quindi deluse. Tuttavia, il fatto che le compagnie ebraiche prestassero servizio in una regolare forza di fanteria nell'esercito britannico costituì un importante punto di partenza.

Nel 1942, tre battaglioni di fanteria furono inquadrati nelle compagnie "Buffs" e fusi con il Reggimento Palestinese, che era un organo amministrativo senza capacità operativa. Tuttavia, successivamente, fu la base per l'istituzione del Gruppo di Brigata di Fanteria Ebraica, noto come "Brigata Ebraica".

Un reggimento ebraico operativo con la sua bandiera - la bandiera nazionale blu e

bianca; col suo distintivo - la Stella di Davide su sfondo giallo; colla sua lingua

ebraica; col suo comandante ebreo - il generale di brigata Levi Binyamin.

La sua costituzione fu il risultato di una lotta lunga quasi cinque anni, al termine della quale Moshe Sharet, che si trovava in prima linea nella lotta, disse: "La Brigata

Ebraica è un premio per gli sforzi delle moltitudini di volontari e una vittoria per la

fede che ha bruciato nei loro cuori. È una prova inconfutabile che c'è una ricompensa per l'attività duratura e una remunerazione per la volontà persistente che persegue incessantemente l'obiettivo in cui ai soldati ebrei viene concesso il desiderio del loro cuore - combattere i tedeschi". E infatti la Brigata, con tutte le sue unità, raggiunse il fronte nel nord Italia, a partire dal 3 marzo e fino al 25 aprile 1945, e riuscì a partecipare ai combattimenti contro i tedeschi.

Quando le battaglie erano finite, i soldati di tutte le Compagnie Ebraiche inquadrate nell'esercito britannico inclusi quelli della Brigata incontrarono i sopravvissuti

all'Olocausto, li aiutarono e rafforzarono il loro legame con Eretz Israel.

Tutte le Compagnie Ebraiche furono smobilitate nel giugno 1946 per tornare in Eretz Israel.

L'esperienza militare dei suoi soldati e comandanti giocò un ruolo nell'organizzazione della forza difensiva "di Yishuv", nella guerra d'indipendenza e nella creazione di "Tzahal", l'attuale Esercito Israeliano (IDF Israel Defence Force).

L'arruolamento delle donne era giò iniziato alla fine di dicembre 1941. Circa 4.350 donne dello "Yishuv" hanno prestato servizio nell'ambito del Servizio Territoriale Ausiliario (ATS) e dell'Aeronautica Ausiliaria femminile (WAAF), in un'ampia varietà di occupazioni: impiegati, infermieri, autisti e altro ancora.

Circa 4.000 volontari, furono arruolati nei Royal Engineers (RE) sotto il comando di Frederick Kisch e inquadrati nell'8a Armata britannica. Durante le battaglie del deserto occidentale, dove aveva la responsabilità delle operazioni di successo sul fronte nordafricano. Il brigadiere Kisch fu ucciso il 7 aprile 1943, calpestando delle mine in Tunisia.

 

Circa 4.500 persone servirono nelle unità di trasporto del Royal Army Service Corps (RASC). Accompagnarono l'esercito britannico nelle sue battaglie nel deserto occidentale in Nord Africa e in Italia. 140 soldati della Transport Company 462 affondarono in mare quando la loro nave, con la quale quale stavano navigando dall'Africa all'Italia, fu affondata dai tedeschi. Le unità di trasporto furono le prime ad incontrare ebrei in Nord Africa e in Italia. E insieme alla Brigata Ebraica, furono anche i primi a incontrare i sopravvissuti originali all'Olocausto in Europa. I medici ebrei di Eretz Israel servirono in tutti i teatri della guerra, come aggiunte alle unità britanniche.

I volontari servirono anche in unità commando - come il Middle East N. 51 Commando, lo Special Interrogation Group (SIG) e il Long Range Desert Group (LRDG).

L'arruolamento nell'Aeronautica militare iniziò in vari servizi di terra: comunicazione, manutenzione e amministrazione. Più tardi, i volontari israeliani furono inviati nelle scuole di addestramento al volo e servirono come piloti di caccia nella British Air- Force. Uno di questi, Amichai Honig, residente nella città di Hadera i cui genitori erano venuti dall'Australia, si arruolò nella British Air-Force come australiano, combatté, ricevette una medaglia e perì durante un attacco alla marina tedesca al largo delle coste greche. Un certo numero di piloti di Eretz Israel, che si trovavano in Gran Bretagna quando scoppiò la guerra, vi servirono come piloti di caccia.

 

Il volontariato alla Marina britannica iniziò nelle prime settimane della guerra, ma fu interrotto, poi rinnovato nel 1942. La maggior parte dei volontari prestò servizio nelle città di Haifa, Alessandria e Port-Said, in una varietà di incarichi, alcuni come marinai e ufficiali sulle navi propriamente dette e alcuni in compiti logistici. Altri erano distribuiti individualmente o in piccoli gruppi in diversi di porti o installazioni della Marina.

Link al sito del Museo dedicato ai combattenti ebrei della Seconda Guerra Mondiale

 a Latrun (Israele)

http://www.jwmww2.org/Eretz_Israel_Volunteers

10 O Sole Mio
bandiera.jpg

Bandiera allora del Sionismo oggi dello stato di Israele realmente utilizzata dalle Compagnie Ebraiche in Italia oggi conservata nel museo presso il Beth Shlomo